Consigli Utili

Destreggiarsi nel mondo delle auto storiche richiede pazienza e soprattutto molta passione. Sono molteplici gli aspetti che un collezionista deve tener presente e sono tanti i dubbi che possono sorgere a causa di una materia normativa lacunosa. 

TASSA DI CIRCOLAZIONE

Si sente molto parlare, relativamente ai veicoli storici, di tassa di circolazione, di riduzione bollo, di esenzione bollo. Negli ultimi 2 anni, ci sono state delle rivoluzioni normative che di fatto hanno creato più confusione che certezze. Procediamo con ordine, con riguardo alla Regione Sicilia. 

VEICOLI CON PIU' DI 30 ANNI: questi veicoli usufruiscono per Legge, dei benefici fiscali relativi all'esenzione del bollo e al passaggio di proprietà. I possessori di questi veicoli devono pagare una "tassa di circolazione" che varia da regione a regione, senza l'obbligo di iscrizione ad uno dei Registri Storici menzionati nell'art. 60 codice della strada (es.: ASI, Registro Fiat, FMI, Storico Lancia, Storico Alfa Romeo). Per la Sicilia tale tassa di circolazione è di € 25,80. La tassa di circolazione va pagata solo se il veicolo circola e va pagata direttamente alla Regione Sicilia (tramite conto corrente postale).

VEICOLI TRA I 20 E I 30 ANNI: la normativa, in questo caso, varia drasticamente da regione a Regione. In Sicilia, è stata introdotta da qualche giorno (Febbraio/2016) l'esenzione del bollo per questa tipologia di veicoli, purchè iscritti e certificati (con Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica) ad una dei registri menzionati nell'art.60 del codice della strada (ASI, Registro Fiat, Storico Lancia, Storico Alfa Romeo e solo per le moto FMI). Chi possidede tale certificazione è tenuto a pagare 75,00 € annui (tassa di circolazione) per le auto e 35,00 € annui per le moto. 

Vendita di accessori e ricambi originali per auto d'epoca
 
Realizzazione sito web Synthetic Lab